Megabitex

Il sito con notizie di attualità, cronaca, gossip

Chi era l’ex compagna di Massimo Ranieri, tutto su Franca Sebastiani: cause morte, figlia

Franca Sebastiani era la compagna di Massimo Ranieri, la donna infatti è morta a 66 anni nel 2015 per un tumore che l’aveva colpita da tempo. In giovane età Massimo ha vissuto una splendida relazione con questa donna che era una sua collega con lo pseudonimo di Franchina. Dopo l’addio alla musica quest’ultima si dedicò a scrittura e giornalismo. Dalla storia d’amore la coppia mise al mondo anche Cristina Calone, unica figlia del cantante riconosciuta nel 1997. Sono molte le voci sui motivi della rottura della coppia, con alcuni che hanno parlato del mancato riconoscimento come possibilità. Il condizionale è d’obbligo.

Nel 2007 Massimo ha presentato la figlia nel programma di Rai 1, Tutte donne tranne me. Nel 2011 poi Cristiana ha reso nonno l’artista con il figlio Massimo Claudio. Franca ha dovuto affrontare, nell’ultimo tratto della sua vita, una dolorosa malattia, un tumore. Ora però andiamo a scoprire qualcosa di più di lei.

Franca Sebastiani, chi era l’ex compagna di Massimo Ranieri?

Franca Sebastiani non è nota solo per essere stata la compagna di Massimo Ranieri, ma ha alle sue spalle una carriera importante anche come musicista. Nata a San Casciano dei Bagni il 25 gennaio del 1949 la donna fu scoperta da Franco Migliacci che le permise di firmare un contratto con l’etichetta discografica RCA Italiana. Debuttò giovanissima al Cantagiro 1966 grazie alla canzone Per orgoglio e lì nacque il nomignolo affettuoso Franchina.

Da lì segnò diversi successi, passando nel 1984 alla Drums incidendo il disco Posto vuoto. Nel Luglio del 2013 ottenne il Premio Doc Italy per la sezione degli Artisti Eccellenti. La donna ha partecipato anche a un film, nel 2012 Vento di Sicilia. Ebbe anche un’altra figlia da un uomo diverso da Ranieri, Amalia. I funerali si terranno nella chiesa di San Filippo a Roma con una presenza di pochi intimi ma tanta gente che le ha dedicato un ricordo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *